UN AIUTO PER TANKER ENEMY - Il Comitato "Tanker enemy" dal 2006 è impegnato nella divulgazione e nella denuncia dello spinoso tema noto come "scie chimiche" o "geoingegneria clandestina", tramite la pubblicazione di articoli, video, documenti, traduzioni e per mezzo di varie iniziative (ad esempio, l'indagine sulle polveri sottili). Questo lavoro ha richiesto e richiede un impegno quotidiano con il conseguente dispendio di energie e risorse. In questi anni il blog "Tanker enemy" e quelli collegati hanno garantito, anche grazie al contributo di lettori e sostenitori, un'informazione indipendente e circostanziata a tal punto da suscitare la reazione del sistema. Questa reazione si è tradotta, oltre che in attacchi di ogni genere, nell'apertura di procedimenti "legali", volti all'oscuramento del blog e dei siti ad esso correlati. Sono procedimenti all'origine di notevoli difficoltà pratiche e di cospicui esborsi per avvocati e consulenti tecnici. Auspichiamo perciò un fattivo sostegno sotto forma di donazioni e di altri interventi (gratuito patrocinio, consulenze...) affinché il Comitato possa continuare ad agire nell'interesse della collettività. Un sentito ringraziamento a tutti coloro che accoglieranno, per quanto nelle loro possibilità, il presente appello. Il Vostro contributo è assolutamente fondamentale al fine di permetterci di proseguire con il nostro operato.

::: FAI UNA DONAZIONE ::: DA GIUGNO 2006 AUTONOMIA ED INDIPENDENZA. IL TUO SOSTEGNO E' DECISIVO. Donazione con IBAN: IT47V0302501601TB8880210112 - Swift (BIC): PROFITMMXXX su Banca Profilo; conto intestato a Rosario Marcianò.

Attacco dal cielo: Geoingegneria clandestina ed altri crimini governativi. Compra su Amazon.

Nel 2015 pubblicammo “Scie chimiche: la guerra segreta”. A distanza di quasi un lustro, proponiamo un nuovo saggio sul tema: è un testo che è la necessaria prosecuzione del precedente e dove trovano spazio sia le nuove acquisizioni circa il problema della biogeoingegneria clandestina sia i suoi numerosi addentellati. Con “Attacco dal cielo” ci cimentiamo in un doveroso approfondimento tale da abbracciare àmbiti e questioni che sono collegati al tema centrale. La “guerra climatica” si rivela il mozzo da cui si diramano tutti i raggi della ruota. Fuor di metafora, occuparsi di scie chimiche implica, volenti o nolenti, una full immersion nelle discipline più disparate, dalla biologia alla medicina, dalla storia alla psicologia, dall’ingegneria aeronautica alla meteorologia, dall’economia alla politica, dalla chimica alla fisica quantistica e via discorrendo. Se la cornice del problema è rimasta invariata, bisogna ricordare altresì che la geoingegneria illegale è un complesso di progetti e di attività in continua evoluzione, in fieri: è un “progresso” che non è facile seguire in ogni sua dinamica spesso assai rapida. Fine precipuo di questa nuova fatica è appunto dar conto delle più recenti tendenze ed applicazioni in un quadro che si allarga a considerare una delle fasi storiche più difficili e cruciali del pianeta e dell'umanità. Gli autori

COVID-19: il grande inganno (Il libro). Compra su Amazon.

Con questo saggio intendiamo, per quanto possibile, fornire un’analisi spassionata ed una documentazione rigorosa a proposito di una questione decisiva, la “pandemia” da nuovo coronavirus e le sue conseguenze. Il presente volume si è reso necessario non solo per colmare una lacuna conoscitiva, ma almeno per altre due ragioni. La bibliografia sul Covid-19 ed i suoi numerosi addentellati è, ad oggi, sconfinata. Chi non si è improvvisato virologo? Tuttavia nella mole di articoli, saggi, ricerche, solo una mezza dozzina è emancipata dalla stanca ripetizione di tesi ufficiali per di più semplificate e distorte, mentre nel campo della cosiddetta “informazione indipendente” si iterano stereotipi pseudo-scientifici accostati ad idee contro-corrente: la commistione di elementi eterogenei mina la costruzione di un’interpretazione unificante e plausibile. Il secondo motivo. In qualità di ricercatori da anni impegnati a studiare e denunciare la geoingegneria clandestina, ci è subito parso che l’”affaire Covid 19” avesse dei legami con la "guerra climatica", in particolare con tutto ciò che concerne il DNA, le modificazioni cromosomiche, il Morgellons, l’interazione tra campi elettromagnetici ed esseri viventi. Quindi è stato per noi naturale vedere nella “pandemia” e nelle conseguenti crociate a favore dei “vaccini” un inevitabile complemento di temi esplorati in passato. Ultima ragione, ma non meno importante: investigare in modo divergente e critico un problema così spinoso permette di porsi interrogativi fondamentali e di cercare risposte che trascendono sia i luoghi comuni sia la vulgata scientifica. Gli autori.